Get Adobe Flash player

Equitazione

L’equitazione è una delle attività più antiche a cui si è dedicato l’uomo. Il primo manuale a noi pervenuto fu redatto dal mitanno Kikkuli, nell’anno 1.350 a.C.: La cura e l’alimentazione del cavallo da carro. Invece, il più antico e più noto manuale in cui è trattato anche il modo di montare a cavallo è Sull’equitazione di Senofonte.

Nella storia greca e romana chi sapeva equitare acquistava un “valore aggiunto” nelle società. Da allora in poi il titolo di cavaliere divenne espressione di nobiltà, ma anche, per contro, nei secoli successivi, i nobili furono costretti ad imparare l'”arte di equitare” per partecipare alla vita politica e militare. L’approfondimento tecnico dell’arte di montare a cavallo fu ovviamente sempre appannaggio della cavalleria e per questo motivo chi ha scritto libri di tecnica equestre (Grisone, Fiaschi, Pignatelli, Mazzuchelli, Caprilli, ecc.) è spesso collegato all’ambiente militare. Non vi è altra attività dell’uomo in cui, nel corso dei secoli, siano stati scritti tanti testi di approfondimento. Ma il rapporto che si stabilì nei secoli tra uomo e cavallo, si modificò gradualmente nell’ultimo periodo storico, da quando cioè il motore a scoppio trasformò il modo di viaggiare e il modo di fare la guerra. Dal novecento in poi l’equitazione perse la propria importanza utilitaristica e si trasformò in attività solamente ludico-sportiva. Nell’Italia della prima metà del Novecento, si segnalò l’opera del conte Paolo Orsi Mangelli, con la sua celeberrima scuderia.

 

Riferimenti su Wikipedia.